The Elder Scrolls V: Skyrim – Recensione di Fantasy Saga

Immagine: Nintendo

Se ti chiedessero di giocare, quale sarebbe? Sarebbe una strategia, o forse uno sparatutto? In un modo o nell’altro, ognuno ha le proprie preferenze, ognuno ha il proprio genere preferito di giochi per computer.

Ma se ti rivolgi a fonti Internet aperte, puoi vedere che tra i giocatori ci sono quelli a cui piace un genere di giochi come i giochi di ruolo. Ma se approfondiamo il mondo dei giochi di ruolo, presto ci imbatteremo senza dubbio in un gioco come The Elder Scrolls V: Skyrim.

È stato Skyrim a fare un enorme passo avanti non solo nel suo genere, ma nell’intero mondo dei giochi per computer. Quindi in che cosa differisce dai suoi “antenati” e “discendenti”?

The Elder Scrolls V: Skyrim, pubblicato l’11 novembre 2011 da Bethesda Game Studios, si è immediatamente diffuso in tutto il mondo nel giro di pochi giorni, dato che ci sono davvero molti fan di questa serie in tutti gli angoli del nostro grande giro globo.

Il gioco non solo è diventato molto popolare nel mondo dei computer, ma ha anche ricevuto il titolo di “Game of the Year” al Video Game Award nel 2011 (in effetti, come le tre parti precedenti). A causa del nuovo motore di gioco, all’epoca, il gioco è ancora uno dei giochi di punta in questo senso (ovviamente alle impostazioni grafiche massime del gioco).

The Elder Scrolls V: Skyrim è un gioco così ben congegnato e ben sviluppato che anche solo girovagando per il mondo di gioco è impossibile incontrare personaggi che non farebbero nulla, questo semplicemente non accadrà (per quanto riguarda gli NPC , sedersi e dormire non è considerato). Pensiamo solo al fatto che ogni NPC giocabile ha il suo nome. Immagina, non uno o due, ma un intero milione di eroi. Impressionante, vero? Naturalmente, molto probabilmente, tutti questi nomi sono stati inventati a caso, tobish a caso e non da una persona. Ma devi ammettere che giocare diventa molto più interessante quando l’intero mondo di gioco è vivo e tu fai parte di questo mondo?

The Elder Scrolls V: Skyrim – Recensione di Fantasy Saga

Immagine: xbox

Trama di gioco

In realtà, parliamo della trama stessa. Come avrai già capito, l’ambientazione principale è la provincia di Skyrim. Skyrim, che ha un clima subartico, è la provincia più settentrionale di Tamriel. (Tamriel è sia la terraferma situata sul pianeta Nirn che il nome di un impero che un tempo esisteva).

Skyrim è il luogo di nascita di un popolo come i Nord. Le persone più settentrionali e brutali dell’intero universo di The Elder Scrolls.

In generale, vale la pena dire che Skyrim è considerato uno dei luoghi più pericolosi di Tamriel. Forse, non è vano che gli sviluppatori decidano di collegare la trama di questa provincia con l’apparizione di formidabili nemici delle persone: i draghi.

Sono passati 200 anni dalla Crisi dell’Oblio. Molte cose sono successe in questo periodo di tempo, ma la più importante è, forse, la Grande Guerra del Popolo (Imperial – Empire) e il Dominio Aldmeri. In questa guerra, gli Altmer furono il chiaro vincitore, motivo per cui la Legione Imperiale e il Dominio Aldmeri firmarono un trattato di pace chiamato “Concordato Oro Bianco”. Questo evento provocò una rivolta tra il popolo, poiché una parte considerevole dei territori era riconosciuta come Altmer, inoltre, secondo l’accordo, nessuno aveva il diritto di adorare Talos, il vero dio dei Nord. Questo aspetto era inaccettabile, quindi fu creata un’altra forza opposta: i Mantelli della Tempesta.

Questo evento influisce notevolmente sulla trama del gioco, perché è strettamente connesso con la profezia, secondo la quale i draghi e il loro leader, Alduin, torneranno di nuovo in questo mondo.

All’inizio del gioco, quando il giocatore non ha nemmeno il tempo di “affrontare i controlli”, sebbene sia lo stesso ovunque, il personaggio principale è in viaggio verso Helgen, in un carro con i prigionieri. In effetti, lui stesso è considerato un prigioniero (cosa che generalmente non sorprende per Bethesda Softworks).

In quel carro, il nostro eroe cavalca insieme a tre prigionieri: Ralof, Lokir, Ulfric Manto della Tempesta. Tutti e quattro i personaggi hanno una cosa in comune: vengono tutti portati all’esecuzione.

The Elder Scrolls V: Skyrim – Recensione di Fantasy Saga

Immagine: Microsoft

Andando un po’ più avanti nella storia, il giocatore si rende conto che il personaggio per cui interpreta non è solo un personaggio, è Dragonborn Dragonborn (probabilmente molti dei lettori hanno visto meme su “Fus Ro Dah” o qualcosa di simile su Internet, quindi qui, sai, tutte queste battute riguardano il personaggio principale del gioco Skyrim).

La profezia prevede che il personaggio principale uccida lo stesso Alduin, il divoratore di mondi, un nemico formidabile. Sulla tua strada troverai molti amici e nemici, attraversa un mare di prove.

Tutto il resto delle trame procede come un orologio: vai lì, diventa più forte, sconfiggi quel cattivo e diventerai un duro. Ma c’è un grande “ma” qui: non puoi semplicemente passare attraverso Skyrim al 100%, ma è semplicemente impossibile farlo, dal momento che il gioco ha qualcosa come una specie di sistema di missioni senza fine, cioè missioni che non hanno quasi effetto sulla trama, può essere dato un numero illimitato di volte.

E non puoi semplicemente correre attraverso Skyrim senza capire il significato del gioco. Dopotutto, questo gioco non è solo fatto bene, The Elder Scrolls V: Skyrim è fatto con l’anima. Non è solo ben progettato in termini di percezione visiva, ma è stata prestata anche molta attenzione alle colonne sonore del gioco. Il leggendario compositore e musicista Jeremy Soule, che ha già scritto un gran numero di composizioni per i precedenti giochi di Bethesda Softworks: Morrowind, Oblivion.

Non solo, dai precedenti giochi della serie sono rimaste le fazioni preferite di tutti:

  • Gilda dei ladri
  • La Fratellanza Oscura.
  • Sinodo.
  • The Blades (sebbene la trama principale sia collegata a questa fazione, sfortunatamente il giocatore non sarà uno di loro).

Molti nuovi sono stati aggiunti a loro:

  • Il Collegio dei Maghi di Winterhold (essenzialmente la stessa Gilda dei Maghi della normale TES).
  • I Mantelli della Tempesta
  • Compagni.
  • Dawnguard, Clan Volkihar (entrambi legati alla stessa trama non principale).
  • Il Collegio dei Bardi.

Riassumendo, vale la pena dire che TES V: Skyrim è qualcosa di più di un semplice gioco per computer.

Skyrim è un intero universo in cui vuoi immergerti più e più volte, scoprendo qualcosa di nuovo. Cerca, cerca e ancora una volta cerca un nuovo significato, questa è la bellezza di questo gioco. Ancora e ancora per capire chi ha ragione e chi ha torto. Questo gioco non solo ti permette di divertirti, ma ti fa pensare a molte cose. Anche su quello che sta succedendo nella vita di tutti i giorni. Dopotutto, Skyrim è un gioco di ruolo e giochi del genere hanno una somiglianza molto stretta con il mondo reale.